Archivio della categoria: Esportazione

Gli imprenditori italiani dirottano le loro imprese verso l’Albania: ecco perché

Negli anni ’60 si parlò di “miracolo italiano” dopo il boom economico che investì tutta la nazione. Dopo gli anni bui del dopoguerra l’Italia fu investita da una forte crescita economica accompagnata da un notevole sviluppo tecnologico, che diede impulso all’occupazione giovanile e ad un’imprenditoria sempre più fiorente e ambiziosa. La ricostruzione non fu certo facile, ma fu dato un grande impulso dal clima di generale ottimismo che si respirava da Nord a Sud. Ad oggi è passato poco più di mezzo secolo, ma quel periodo sembra lontano anni luce. L’Italia oggi annaspa tra disoccupazione e crisi finanziaria, che spinge gli imprenditori italiani ad investire altrove le loro risorse.

Negli ultimi anni l’Albania sta rivivendo lo stesso e identico “miracolo economico” verificatosi in Italia. Anche l’Albania è uscita dalla guerra dopo anni difficili, ed oggi è un paese giovane e fiorente che offre nuove opportunità. L’Albania è molto sottovalutato come paese, ma ha delle enormi potenzialità per le sue peculiari caratteristiche. É un paese turistico che affaccia sul mare, offre nuove opportunità di lavoro per i giovani ed ha una burocrazia più snella. Proprio per questo motivo diversi imprenditori italiani stanno delocalizzando qui le loro attività, per non restare impantanati in una burocrazia simile a quella presente in Italia.

Altro punto a favore dell’Albania è la bassa pressione fiscale, che raggiunge a mala pena il 10%. In Italia invece si attesta al 64%, una percentuale altissima per un imprenditore che deve gestire un’azienda o che vuole creare un’impresa da zero. In Italia il carico fiscale è così alto che molti imprenditori sono scoraggiati a priori, e non provano neanche a lanciare qualche nuova attività pur avendo idee brillanti. Perciò si trasferiscono in Albania, poiché la burocrazia e la bassa pressione fiscale permettono di aprire una nuova attività in poco tempo senza un esborso eccessivo di capitali, in un sistema di tassazione molto più accettabile e ragionevole.

Non solo imprenditori, anche professionisti, giovani e studenti stanno scoprendo le grandi opportunità presenti in terra albanese. I professionisti possono svolgere la loro attività come in Italia, senza dover sostenere un carico fiscale ingombrante ed oneroso. I giovani si trovano bene qui poiché il costo della vita è basso e gli stipendi permettono di vivere in maniera dignitosa. Infine gli studenti possono conseguire lauree equiparabili a quelle italiane, seguendo un percorso di studio meno tortuoso e più facile. Prima di recarsi in Albania per iniziare una nuova vita è opportuno affidarsi ad un buon traduttore albanese italiano per la traduzione di documenti di natura commerciale, legale o economica.

Albania kosovo

Una buona opportunità per chi cerca opportunità imprenditoriali in Albania Kosovo

Il ruolo dell’imprenditore nello sviluppo economico e sociale dell’Albania e del Kosovo – Forlì, 15 Aprile 2010
La Camera di Commercio di Forlì-Cesena, in collaborazione con Confindustria Forlì-Cesena e USER Group, nell’ambito della propria attività per favorire l’internazionalizzazione delle imprese, organizza il prossimo 15 aprile 2010 a partire dalle ore 16.30 un incontro dal titolo “Il ruolo dell’imprenditore nello sviluppo economico e sociale dell’Albania e del Kosovo”, che avrà luogo nella sede camerale a Forlì (Corso Repubblica 5). Il programma prevede, dopo i saluti del Dott. Alberto Zambianchi, Vice Presidente Vicario della Camera di Commercio, e dell’ Ing Piero Paganelli, Presidente di USER Group, alcuni interventi da parte di personalità albanesi e di esperti economici e finanziari; saranno presenti inoltre il Dott.Gianluca Bagnara, Assessore alle Politiche Agroalimentari della Provincia di Forlì-Cesena, e il Dott. Germano Pestelli – direttore U.O. di Riabilitazione – Azienda USL Forlì. Le aziende interessate possono compilare la scheda di adesione disponibile nel sito camerale area Internazionalizzazione.
Info: Alberto Busi tel.0543-713447

Progetto abitare

Progetto Abitare: missione imprenditoriale nei Paesi del Golfo – 6/11 Giugno 2010
La Camera di Commercio di Forlì-Cesena, in collaborazione con Ice e Unioncamere nazionale, promuove, all’interno dell’Intesa ICE/Unioncamere 2009, l’organizzazione di una missione commerciale negli Emirati Arabi e in Qatar dal 6 all’11 giugno 2010 con l’obiettivo di sostenere il posizionamento su tali mercati delle imprese italiane dei settori edilizia/costruzioni/arredamento. L’area dei Paesi del Golfo Persico (GCC) è uno dei mercati in più forte espansione a livello mondiale, caratterizzata in particolare da un importantissimo sviluppo nel settore edilizia/costruzioni. L’iniziativa prevede l’organizzazione di incontri d’affari e visite aziendali con aziende arabe attraverso la predisposizione di un’agenda d’incontri sulla base delle specifiche esigenze espresse dalle imprese partecipanti. Le aziende interessate all’iniziativa, sono invitate a compilare e restituire entro il 12 aprile 2010 il company profile in lingua inglese, disponibile sul sito area Internazionalizzazione. I profili verranno inviati al partner tecnico (Ice Dubai) per una prima valutazione sulle potenziali opportunità di penetrazione dei prodotti/servizi proposti su tali mercati. A seguito di tale valutazione (verosimilmente alla fine del mese di aprile), alle aziende saranno chiesti adesione formale all’evento e versamento della quota di partecipazione di 100 euro (oltre ad IVA se dovuta). Resteranno a carico delle aziende partecipanti i costi relativi a viaggio e soggiorno.
Info: Alberto Busi tel.0543-713447

Missione Imprenditoriale in Serbia

 

Missione Imprenditoriale in Serbia

01/04 dicembre 2009

Promofirenze, membro di Enterprise Europe Network, in collaborazione con Aries e Unioncamere, organizza una missione commerciale in Serbia dal 01 al 04 dicembre 2009. La missione ha l’obiettivo di presentare alle aziende partecipanti le opportunità offerte dal mercato e di organizzare incontri b2b mirati.

DOVE: Prima tappa a Belgrado e seconda tappa identificata sulla base del settore merceologico : Novi Sad (la capitale della Provincia Autonoma della Vojvodina) o Kragujevac (zona dell’insediamento della Fiat).

Programma

1 dicembre: Partenza dall’Italia per Belgrado

2 dicembre: Seminario tecnico e Incontri b2b a Belgrado

3 dicembre: trasferimento a Novi Sad o Kragujevac e incontri b2b – rientro a Belgrado

4 dicembre: Rientro in Italia

I SETTORI INTERESSATI: agricoltura (joint venture per lavorazione di frutta, verdura e trasformazioni carne, ricambistica per macchinari agricoli), automobilistico (subforniture, componentistica e pezzi di ricambio), packaging e grafica (macchinari per l’imballaggio/tipografia e prodotti finiti), metalmeccanico (lavorazione per conto terzi e subfornitura), ICT (programmi, software house).

MODALITÀ OPERATIVE: La missione prevede la realizzazione di una pre-verifica di mercato per le aziende aderenti, ed in caso positivo l’organizzazione di visite ad aziende e di un’agenda d’incontri personalizzata con imprese locali, ritagliata sulla base dell’esigenze delle imprese partecipanti.


COSTI

La quota di partecipazione per azienda Euro 400,00 (IVA esclusa ex-art 7) comprende:

servizio di informazioni preliminari sul Paese;

ricerca e selezione dei partner locali;

organizzazione di agende personalizzate di incontri tra aziende;

assistenza di personale specializzato;

trasferimenti di gruppo da e per aeroporto.

Per le aziende che lo richiedono, verrà proposto un pacchetto volo/hotel, i cui costi saranno in seguito comunicati unitamente alle spese del servizio di interpretariato.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Se interessati, vi preghiamo di inviare Scheda di Interessenon impegnativa via fax 055 2671404 entro il 1 settembre 2009

 

Consulta il nostro blog sulla scuola dedicato a graduatorie scuole e graduatorie ad esaurimento