Archivio della categoria: Arbitrato e Conciliazione

Pmi e Camera di Commercio. L’arbitrato amministrato: la Camera di Commercio risponde

 

Questo blog parla di pmi. Consultate i nostri blog scolastici su argomenti come graduatorie provvisorie e il blog bancario con temi quale popolare milano banca

 
L’arbitrato amministrato: la Camera di Commercio risponde

Mercoledì 30 settembre presso la Camera di Lodi dalle ore 15,00 alle ore 18,00 – nell’ambito dell’iniziativa nazionale “Operazione Porte Aperte” – la Camera di Commercio di Lodi organizza l’evento “L’arbitrato amministrato: la Camera di Commercio risponde”.
L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’Ente Camerale di Lodi e la Camera Arbitrale di Milano che assieme promuovono l’arbitrato sul territorio e assieme gestiscono e amministrano le procedure arbitrali.
Avvocati, commercialisti, notai, giuristi d’impresa, imprenditori, rappresentanti di associazioni di categoria e, in generale, chiunque sia interessato all’arbitrato potrà partecipare ad un incontro personalizzato con gli esperti messi a disposizione dalla Camera Arbitrale di Milano e dalla Camera di Commercio di Lodi: funzionari, consiglieri e arbitri della Camera Arbitrale.
Non si tratta, dunque, di un convegno o di un seminario di studi ma di un incontro della durata di circa 10 minuti durante il quale il partecipante potrà richiedere informazioni o assistenza personalizzata in relazione ai temi dell’arbitrato: dalla redazione della clausola compromissoria più idonea da inserire in contratto ai requisiti per la scelta dell’arbitro migliore, da come si svolge concretamente la procedura presso la Camera al ricevere un preventivo di costi dell’eventuale arbitrato.


Il panel degli esperti sarà formato sulla base delle richieste di informazione e di assistenza che perverranno in anticipo alla Camera di Commercio di Lodi.
Chi intende partecipare dovrà iscriversi contattando l’Ente Camerale almeno 5 giorni prima della data dell’evento e precisando il tipo di richiesta o di informazione. L’evento è limitato alle prime 30 richieste di partecipazione che perverranno alla Camera.

Camera di Commercio di Lodi, tel. 0371.4505203-223-244, fax: 0371.431604, e-mail: mercato@lo.camcom.it


Camera Arbitrale di Milano: la giustizia alternativa che funziona

Cresce il ricorso alla giustizia alternativa della Camera Arbitrale Nazionale ed Internazionale di Milano, Azienda speciale della Camera di commercio di Milano: +11% complessivamente il numero di casi di arbitrati, domande di conciliazione, Risolvionline e istanze di nomina di arbitri, tra 2008 e 2007.

Rispetto al 2007, registrano una crescita del 19% i nuovi procedimenti di arbitrato e del 55% il servizio di risoluzione online delle liti, RisolviOnline. Quadruplicato, invece, in cinque anni il ricorso al servizio conciliazione, che passa da 169 a 507 domande di conciliazione depositate. Una giustizia alternativa rapida: in media 40 giorni per la conciliazione e 13 mesi per l’arbitrato. Che diventa sempre più internazionale, il 27% dei casi di arbitrato (era il 23% del 2007) e coinvolge sempre più consumatori, nel 73% delle domande di conciliazione depositate e il 92% dei procedimenti gestiti con RisolviOnline.
Circa 3 milioni di euro il valore medio degli arbitrati amministrati e 36.000 euro quello per le conciliazioni.
Le materie delle dispute? Soprattutto telecomunicazioni (24%), servizi (16%), commercio (15%) e turismo (13%) per la conciliazione; diritto societario (28%) e appalti (21%) per l’arbitrato; turismo (43%) ed e-commerce (21%) per RisolviOnline.
Aumenta il ricorso alla Camera Arbitrale, azienda speciale della Camera di Commercio di Milano, anche per via dell’ Italy-China Business Mediation Center (ICBMC), Centro per la gestione delle controversie commerciali con imprese cinesi. ICBMC conta ad oggi 30 domande depositate, il cui valore medio è di 131.000 euro. I motivi più ricorrenti del deposito sono il mancato pagamento di merci consegnate, la fornitura di merci non conformi a standard europei, la richiesta di scioglimento di joint venture e la contraffazione di marchio. Ad oggi, è stato raggiunto un accordo in 16 casi, 4 dei quali a seguito di incontri di conciliazione svoltisi a Pechino; negli altri casi è stata sufficiente la semplice attivazione del servizio perché le parti arrivassero insieme a una soluzione soddisfacente.