Il servizio di consulenza per le imprese che vogliono migliorare il welfare aziendale

Il welfare aziendale è una discriminante per la scelta dell’azienda

Il 1° luglio 2018 sono scadute le clausole welfare inserite nell’aggiornamento del CCNL metalmeccanico che prevedono l’obbligo di investire nel welfare 150 euro a dipendente. Questi fondi dovranno essere utilizzati per creare una maggiore conciliazione tra sfera lavorativa e vita privata. L’inserimento di queste clausole è stato definito un’impresa storica: è infatti la prima volta che il welfare aziendale viene posto come elemento chiave nel rinnovo di contratti nazionali di categoria. Non solo, a seguito di questo primo risultato anche per il CCNL Telecomunicazioni sono state introdotte clausole analoghe: dal 1° luglio è obbligatorio prevedere 120 euro di beni e servizi welfare ad ogni singolo dipendente.

Le aziende devono quindi comprendere come il welfare aziendale sia diventato un fattore di primaria importanza anche a livello normativo, poiché i lavoratori sono sempre più riconosciuti come il capitale più prezioso dell’azienda e come tale questa se ne deve prendere cura.

Il rapporto sul welfare aziendale 2018

Il rapporto 2017 Welfare Index PMI, ha identificato le 12 principali aree di welfare nelle quali le aziende operano:

  1. Polizze assicurative 46%
  2. Sicurezza e prevenzione degli incidenti 42,5%
  3. Conciliazione vita-lavoro e tutela delle pari opportunità 41,6%
  4. Formazione per i dipendenti 37,5%
  5. Sanità integrativa 35,7%
  6. Sostegno economico ai dipendenti e alle famiglie 35,6%
  7. Previdenza integrativa 25,8%
  8. Welfare allargato al territorio e alla comunità 22,6%
  9. Sostegno ai soggetti deboli e integrazione sociale 15,9%
  10. Servizi di assistenza 11,7%
  11. Cultura, ricreazione e tempo libero 5,8%
  12. Sostegno all’istruzione di figli e familiari 2,7%

Tutte le categorie segnano un netto aumento rispetto ai numeri riscontrati dallo stesso rapporto nel 2017.

Il partner ideale per il welfare aziendale

Nell’immenso panorama che le aziende si trovano a dover esplorare nella scelta del partner a cui affidare i propri servizi di welfare aziendale, ISSIM è garanzia di competenza nel servizio di ascolto e di counseling sociale e psicologico. La sua grande expertise in materia e la sua professionalità, maturata in oltre 70 anni di attività, sono i motivi principali per i quali sempre più aziende scelgono ISSIM come proprio partner.

Le aree di intervento di ISSIM si suddividono in 4 macro categorie: area lavorativa, area legislazione sociale, area personale sociale e area salute. Ognuna di queste aree si occupa di sostenere il lavoratore e la sua famiglia in tutti gli aspetti che gli permettono di coniugare serenamente vita privata e lavoro, grazie all’intervento mirato del welfare specialist ISSIM.
L’intervento di ISSIM permette di mitigare situazioni di disagio sorte sul luogo di lavoro ma anche nella sfera domestica del lavoratore, come la difficile gestione di un parente anziano o le difficoltà di comunicazione con il proprio figlio adolescente.

Comments

comments

Lascia un commento